sabato 30 agosto 2014

TORTA ZUCCHINE E YOGURT

Per la colazione di questo sabato mi sono svegliata presto con l’idea di trovare una ricetta nuova dolce con le zucchine.


Questa torta è molto morbida e leggera, è stata la nostra colazione, ormai è un’abitudine far colazione con dolci fatti in casa e questa cosa mi piace tantissimo!

Adoro iniziare la giornata prendendomi cura di chi amo e questo mi sembra un buon metodo!


Di zucchine ne abbiamo ancora diverse, preferiamo la specialità a trombetta, le troviamo molto più sode e delicate ma per questa ricetta potete utilizzare benissimo anche quelle classiche verde scuro.


Ho utilizzato anche latte di riso e zucchero di canna e le uova del nostro pollaio insomma, dove posso preferisco utilizzare alimenti più genuini, non sono una fissata ma mi accorgo che più passa il tempo più desidero scegliere coscientemente e con attenzione gli alimenti che mangiamo.


Ingredienti:

300 gr di farina
200 gr di zucchero di canna
300 gr di zucchine a fette
150 gr di yogurt naturale magro
3 uova
mezzo bicchiere di latte di riso
1 bustina di lievito


Nella planetaria ho impastato lo yogurt con le uova, lo zucchero e la farina,.

Ho aggiunto poi il latte di riso e infine la bustina di lievito.

Le zucchine le ho affettate con la parte liscia della grattugia che le ha tagliate a fettine sottili sottili.

Le ho aggiunte all’impasto e ho mescolato bene.

Ho infornato a 180 gradi per 40 minuti e poi una volta fredda spolverizzata con zucchero a velo.


Buon fine settimana!




mercoledì 27 agosto 2014

POMODORI RIPIENI AL RISO

Eccomi!

I cuccioli sono tornati alla base e la vita sta riprendendo il suo regolare andamento (ovvero iniziano le corse!!)

Ecco cosa abbiamo cucinato per il loro rientro, una ricetta estiva anche perchè abbiamo ancora parecchi pomodori da usare e le scorte per l’inverno sono già state fatte.
Abbiamo surgelato pomodori interi che poi utilizzeremo per minestre, sughetti e per preparare delle uova ai pomodori che ai bambini piacciono moltissimo e poi abbiamo fatto diversi vasetti di passata che ci faranno sognare, nei mesi estivi, la “bella” stagione: la trovo insuperabile sulla pizza!
E poi quest'anno anche dei bei vasetti di pelati, coi pomodori perini, quelli più adatti per questa preparazione.

Questa ricetta mi è stata passata a voce dalla mia super amica (collega) Paola che durante una delle nostre passeggiate in pausa pranzo mi raccontava di quanto buono fosse questo piatto che le preparava la sua mamma da bambina.
Ovviamente mi è venuta voglia di provarlo e mi sono lanciata e che dire? Risultato ottimo e ricetta all’altezza delle aspettative!
Ingredienti:

9 pomodori
2 cucchiai di riso per i pomodori grandi 1 cucchiaio per quelli piccoli
10 foglie di basilico
un pizzico di sale
1 fettina di scamorza per ogni pomodoro
½ cipolla grossa bionda
½ cipolla grossa rossa
5 patate
1 pizzico di sale
olio q.b.
Lavo i pomodori e taglio la parte superiore avendo cura di togliere bene le foglioline, li svuoto e ne tagliuzzo la polpa.

In una ciotola metto il riso, la polpa dei pomodori, le foglie di basilico tagliate grossolanamente, il sale e lascio insaporire per qualche ora.

Prendo poi una teglia, la ricopro con carta forno e posiziono i pomodori, li riempio e li copro con una fettina di scamorza e con la parte superiore del pomodoro stesso.


Taglio a pezzettoni le cipolle e le patate, metto un pochino d’olio sulle verdure e inforno a 180° forno ventilato per un 45 minuti circa.

Buon rientro a tutti!



domenica 24 agosto 2014

CENA MESSICANA DA PAOLO E DANI

Ciao a tutti!
Questa è un’incursione anomala nel blog di Chiara.
Sono Paolo, l’amatissimo cognato di Chiara (e appassionato lettore delle sue pagine web), e oggi vi intratterrò io: con il permesso della Padrona di casa, ovviamente!
Ieri sera io e mia moglie Daniela, per risollevare gli animi affranti dei nostri cognatini a causa dell’assenza prolungata della prole (da noi affettuosamente chiamati Nipote numero 1, numero 2 e numero 4), abbiamo invitato a cena Chiara e Luca, insieme alla sorella di Daniela, Valentina, suo marito Andrea e il piccolo Davide (per noi Nipote numero 6).
Premessa e richiesta di scuse anticipate a tutti: non siamo grandi cuochi, ci limitiamo a copiare qua e là ricette (solo se indicate come “facili” e “facilissime”), allestiamo presentazioni che farebbero inorridire Roberto Ruspoli, ma ci siamo impegnati per preparare una cenetta degna di tal nome ai nostri commensali.
Siamo appassionati di cucina messicana, a tal punto che al banchetto del nostro matrimonio abbiamo offerto nachos e fajitas come aperitivo; abbiamo deciso, pertanto, di preparare del chili e delle tortillas ai nostri ospiti.
E qui vi spieghiamo come abbiamo fatto.
Abbiamo “preso spunto da” (copiato brutalmente) due ricette trovate su un libro di cucina, sostituendo qualche ingrediente che non avevamo a disposizione. O del quale non sospettavamo nemmeno l’esistenza!
Anche il libro di cucina non è nostro: abbiamo fotografato con lo smartphone le pagine che ci interessavano mentre ci trovavamo in visita da Valentina. Il titolo era qualcosa del tipo “Cucina senza impegno” e faceva decisamente al caso nostro.
Vabbè, ci siamo dilungati anche troppo. Ecco le ricette.
Ancora grazie a Chiara: siamo orgogliosi di essere i primi ospiti di questo prestigioso blog!
CHILI CON CARNE
Ingredienti per sei persone:
800 g di macinato di manzo
800 g di pomodori
4 peperoni di tutti i colori
3 scatole da 400 g l’una di fagioli rossi kidney (peso del prodotto non sgocciolato)
1 cipolla
2 gambi di sedano
250 ml di vino rosso
4 cucchiai di olio EVO
2 cucchiaini di cumino
2 cucchiaini di origano
3 peperoncini essiccati
Peperoncino in polvere
3 spicchi d’aglio
1 foglia d’alloro
Sale
Pepe
Abbiamo tagliato a listarelle sottili i peperoni, dopo aver tolto tutti i semini, e tritato cipolla e sedano.
Abbiamo fatto scaldare due cucchiai d’olio in una pentola bella grossa, nella quale abbiamo messo tutta la verdura ad ammorbidirsi. Abbiamo aggiunto una manciata di sale grosso e un peperoncino sbriciolato, senza smettere di mescolare.
Dopo cinque/dieci minuti, abbiamo tolto la verdura, tenendola da parte in una ciotola; senza togliere la pentola dai fornelli, abbiamo alzato la fiamma, messo altri due cucchiai d’olio e tutto il macinato di manzo a rosolare per un paio di minuti.
Abbiamo aggiunto una presa di sale, gli spicchi d’aglio e mescolato tutto per un minuto.
Abbiamo versato il vino e mescolato per un altro minutino.
Abbiamo poi messo nuovamente in pentola peperoni, cipolla e sedano, aggiungendo del peperoncino in polvere, il cumino e l’origano.
Abbiamo aggiunto i pomodori (pelati e privati dei semi), i fagioli, la foglia d’alloro, due peperoncini sbriciolati e ancora un po’ di sale.
Dopo aver messo il coperchio alla pentola, abbiamo lasciato sobbollire tutto quanto per circa 30 minuti, regolando di sale e pepe.
Ultimata la cottura, abbiamo tolto tutto dal fuoco e lasciato riposare tre ore, perché dicono che in questo modo il chili acquista più sapore.
Per la cena l’abbiamo riscaldato per bene sul fuoco e l’abbiamo servito con accompagnamento di tortillas (qui sotto spieghiamo come farle), salsa guacamole e panna acida (comprate).


TORTILLAS
Ingredienti per una ventina di tortillas:
400 g di farina 00
Una bustina di lievito per pane
Un bicchierozzo  (200/250 ml) d’acqua tiepida
6 cucchiai di olio EVO
sale

Abbiamo preparato le tortillas mescolando insieme farina, lievito, olio e acqua (nella quale abbiamo sciolto il sale) e lavorando il tutto fino a ottenere un impasto di una bella consistenza, compatto ed elastico.
Abbiamo lasciato riposare l’impasto per poco meno di un’ora, poi l’abbiamo suddiviso in tante palline (un poco più grosse di una palla da golf).
Abbiamo steso con il mattarello la pasta ottenendo dei dischi (più o meno!) sottili sottili.
Abbiamo cotto le tortillas per un minuto circa in una padella antiaderente ben calda, girandole un paio di volte e facendo attenzione che non si secchino: devono rimanere morbide, sennò non si arrotolano con il chili come farcia!

POSTILLA (di cui andiamo fieri): CENTROTAVOLA MESSICANO, realizzato con nachos, pomodoro e due peperoni friggitelli travestiti da Jalapenhos, travestiti a loro volta da omini con il sombrero!



mercoledì 20 agosto 2014

ROTOLO COCCO E LAMPONI

Già vi ho parlato delle meraviglie del nostro orto, quante soddisfazioni e quanti prodotti genuini da utilizzare!

Le nostre piantine di lamponi in quest’ultimo anno si sono rafforzate e sono cresciute davvero tanto, nel mese di giugno ci hanno regalato una buona dose di lamponi, molto saporiti e proprio in questi giorni ci stanno regalando la seconda tranche di frutti.

Non vedo l’ora di sperimentare ricette nuove anche perché il lampone è uno dei frutti che preferisco.

Questo dolce l’ho fatto con la marmellata preparata qualche mese fa ed è stata un’ottima merenda per amichetti dei bimbi venuti a giocare in cortile, fra corse e partite a pallone hanno trovato il tempo per una fetta di torta e un bicchiere di te.
 Più passa il tempo e più mi accorgo che è davvero difficile crescere i cuccioli evitando, nel limiti del possibile, merendine comprate e schifezzine varie, ci vuole tempo e costanza ma nei limiti del possibile ce la metto tutta.

Questa è ideale anche a fettine per la merenda dell’intervallo quando comincerà la scuola, Andrea, che inizierà la prima elementare avrà delle maestre molto sagge che hanno già chiesto, nella riunione di presentazione, di dare ai bimbi solo frutta, pane o una fettina di torta.
Ovviamente adotterò la stessa procedura per Lorenzo, che dovrà iniziare la quarta elementare.
Lo scorso anno la sua classe era stata inserita in un progetto “Frutta a scuola” per cui arrivavano frutta e verdure biologiche che lui ha sempre mangiato volentieri, ovviamente potendo scegliere non sarà così facile ma adotterò la tattica di non comprare nulla di confezionato per non avere alternative!
Ingredienti:

100 gr  di farina manitoba
100 gr di zucchero
40 gr di burro
un pizzico di sale
4 uova
3 cucchiai di cocco grattugiato

250 gr di marmellata di lamponi
20 lamponi freschi

Con le fruste elettriche sbatto i 4 tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto bianco e spumoso, aggiungo poi i burro fuso e la farina.
Incorporo anche la noce di cocco grattugiata e mescolo per amalgamare gli ingredienti.

Monto gli albumi a neve ferma con un pizzico di sale e li incorporo al composto mescolando dal basso verso l’alto delicatamente senza farli smontare.

Imburro una teglia 25X35 e la rivesto di carta da forno, imburro anche il foglio di carta da forno e vi stendo il composto, sempre delicatamente.

Cuocio in forno caldo a 220 gradi per 8 minuti.

Tolgo dal forno e stendo un foglio di pellicola, stacco il rotolo dalla carta forno e lo appoggio sulla pellicola facendo attenzione che il lato che poggiava sulla carta forno sia rivolto verso l’alto.

Arrotolo la pellicola con delicatezza facendo attenzione a non rompere la pasta, chiudo la pellicola e lascio raffreddare a temperatura ambiente.

Una volta raffreddato apro il rotolo e farcisco con la marmellata di lamponi e lamponi freschi e metto in frigorifero per circa un’ora avendo cura di toglierlo una decina di minuti prima di servirlo.

Buona merenda!








  

lunedì 18 agosto 2014

BRIOCHE FIOR DI LATTE AI FRUTTI DI BOSCO

Che tranquillità!

Casa nostra è irriconoscibile: i bimbi sono rimasti in montagna coi nonni e qui ci sono un silenzio e una calma quasi fastidiosi.

Inutile, io e papino non siamo più abituati a stare senza di loro e anche se così ci possiamo organizzare meglio, riposare e rilassare una cosa è certa: ci mancano tantissimo!

Ogni cosa che faccio, senza di loro, ha altri ritmi, riesco a cominciare e finire un lavoro senza interromperlo e poi mi sembra di avere tantissimo tempo a disposizione, questa mattina mi sono cucinata, come pranzo da portare in ufficio, perfino una frittatina coi fiori di zucca appena colti dall’orto…incredibile!

Però mi commuovo sentendo i loro racconti di questi giorni fra sentieri e malghe, ieri hanno fatto il formaggio in alpeggio e oggi sono in cammino fra i monti, per loro sarà sicuramente un’altra bellissima esperienza e ne sono veramente felice.

Cosa abbiamo in progetto? Una cenetta fuori, un bel giretto all’Ikea, amici da invitare a cena e poi verso fine settimana l’imbiancatura del locale lavanderia, il mio secondo regno, dopo la cucina ovviamente, dove lavo, stiro e rassetto.

Così, per viziare un pochino papino ieri gli ho preparato questa torta per colazione, decisamente golosa e molto, molto sofficiosa.
Fonte d’ispirazione sono ancora loro i Fables , devo ammettere che ogni ricetta provata presa dal loro blog è un successo!

Ingredienti:

350 gr di Manitoba
150 gr di farina 00
150 gr di pasta madre
250 gr di latte (intero)
10 gr di miele
3 tuorli
125 gr di zucchero
1 bustina vanillina
100 gr di burro
2 gr di sale

Per il ripieno:
marmellata di frutti di bosco

Per lucidare e rifinire:
20 gr di albume
20 gr di latte
Zucchero in granella
Impasto nella planetaria la farina e il lievito ridotto a pezzetti e faccio girare piano con il gancio, aggiungo lentamente il latte in cui ho fatto sciogliere il miele e la vanillina.
Assorbito tutto il latte ho aggiunto i tuorli, uno alla volta fino al loro assorbimento, l’impasto deve risultare sodo e compatto.
A questo punto posso aggiungere il burro fatto ammorbidire per una decina di secondi nel microonde stando attenti a far incordare bene l’impasto e aggiungendo solo alla fine il sale.

Tolgo l’impasto e lo metto a raffreddare per circa un’ora nel frigorifero per far si che il burro rapprendendosi renda l’impasto ben malleabile.

Prendo una teglia di silicone e preparo sei palline con l’impasto tolto dal frigor, al cento di ogni pallina spalmo un paio di cucchiaini di marmellata ai frutti di bosco e sistemo le palline nella teglia mettendone una al centro e cinque ai lati.

Lascio lievitare per 8/10 ore e poi inforno a 170° in modalità statica.

Buona colazione!







venerdì 15 agosto 2014

BUON FERRAGOSTO DAI MONTI

Buongiorno,

anche se fa freddo e qui ieri sera pioveva Ferragosto e' arrivato e dalla Val di Non vi mandiano i nostri più cari auguri per un ferragosto sereno e ricco di...sole!!!


A presto!

lunedì 11 agosto 2014

WAFFEL

Buon pomeriggio!
Che gioia scrivervi direttamente dalla mia cucina con calma, di pomeriggio, in vacanza!
I bimbi si stanno rilassando, questa mattina giretto al mercato, poi pranzo e compiti e per merenda tutti a comprare un bel gelatone in compagnia, mi piace fare questi giorni di ferie ad agosto, è tutto così lento e vivibile!

Anche le colazioni si possono preparare con calma e allora ecco cosa vi presento, uno dei miei ultimi acquisti alla Lidl: la piastra per i waffel!
Devo dire che, per quanto riguarda alcuni prodotti ed elettrodomestici mi trovo molto bene a far spesa li, ovviamente non per tutto ma una volta ogni due settimane adoro andarci!

La ricetta che ho seguito è quella del ricettario incluso, forse non dietetica ma molto, molto buona.
Escono dei waffel sofficiosi e adatti per essere serviti con marmellata o nutella o, come nell'immaginie sotto con una deliziosa crema al cocco, acquistata sempre li.
Le dosi che vi do sono dimezzate, la prima volta abbiamo fatto dose intera ma ne escono veramente troppi, non li abbiamo certo sciupati ma da quella volta seguo questa proporzione e me ne escono circa dodici, due a testa più un paio per i più golosi.

Ingredienti:

125 gr di burro
100 gr di zucchero
2 cucchiai di zucchero a velo
3 uova
250 gr di farina
1 cucchiaino di lievito in polvere
200 ml di latte


Sbatto le uova in una terrina con l'aiuto delle fruste elettriche, fino a renderle spumose.

Aggiungo lo zucchero e lo zucchero a velo e mescolo il tutto.

Aggiungo il burro sciolto e verso poco alla volta il latte alternandolo alla farina mescolando continuamente.

Mescolo il tutto alla velocità massima fino a ottenere un impasto spumoso e omogeneo.

Verso il composto a cucchiaiate (circa due per ogni piastra) e cuocio per 4 minuti esatti!

Buon pomeriggio!




venerdì 8 agosto 2014

RISONI AL POMODORO

Dopo un paio di settimane di lavoro finalmente settimana prossima sarò di nuovo in vacanza e potremo passare ancora un po’ di tempo insieme.


Abbiamo pensato a qualche giorno in piscina e qualche altro in montagna, confidiamo però nel bel tempo: speriamo non ci abbandoni!
Mi piace questo periodo dell’anno, adoro cenare in cortile e concedermi quattro chiacchiere con marito e amici nel nostro giardino, accendere lanterne e lumini e godermi la serenità della sera mentre i bimbi sono liberi di giocare fino a tardi all’aria aperta.

Mi piace anche svegliarmi con l’idea di poter fare colazione sulla nostra verandina: la giornata così sembra più leggera e comunque inizia sempre nel migliore dei modi.

Come ogni anno poi il nostro orticello ci sta regalando un sacco di verdura: papino è bravissimo e si vede che lo coltiva con amore altrimenti non darebbe risultati simili!

 Io ,invece, sono l’addetta alla ricerca di ricettine sempre nuove e speciali per utilizzare tutte le verdure prodotte e una volta realizzate decido poi, in base al consenso ottenuto, quando e come ripeterle.

Questo è uno dei piatti da ripetere al più presto, se devo essere sincera non ci sono stati molti commenti ma solo per un motivo: nessuno poteva parlare erano tutti impegnati a leccarsi i baffi!
L’origine di questo piatto è greca e la consistenza giusta per gustarlo è a metà tra un risotto e una minestra; la preparazione è molto semplice e veloce, necessita l’utilizzo della pasta “risoni”, molto simile a chicchi di riso allungati e pomodori molto maturi.
Ingredienti (per 5 persone):

250 gr di risoni (50 gr a testa)
400 gr di pomodori molto maturi
3 bicchieri d’acqua
5 foglie di basilico
1 cucchiaino di parmigiano per piatto
olio evo q.b
sale  q.b
Ho messo a sbollentare i pomodori in una pentola con 3 bicchieri d’acqua per qualche minuti.
Una volta scolati ho tolto la buccia, li ho rimessi in pentola e ho unito le foglie di basilico.

Ho frullato il tutto con l’utilizzo del  minipimer, salato e portato a bollore.

Nel composto di pomodori ho fatto cuocere i risoni a fuoco basso per una decina di minuti, girando di tanto in tanto e correggendo di sale.

A fine cottura ho alzato un pochino la fiamma e mantecato il tutto, ho porzionato e aggiunto ad ogni piatto il cucchiaino di parmigiano e un goccio di olio EVO.

Una delizia!



domenica 3 agosto 2014

ISOLA D'ELBA LUGLIO 2014

Eccomi!

Siamo tornati  da quella che vi ho anticipato sarebbe stata nostra prima vacanza in tenda: un'esperienza assolutamente da ripetere!

Ci siamo divertiti, rilassati e abbiamo apprezzato la libertà della vita da campeggio, abbiamo visitato posti bellissimi e conosciuto persone molto carine.

Mi sento di suggerirvi anche il campeggio dove siamo stati, Le Calanchiole a Lido di Capoliveri.
E' vero che per noi è stata la prima esperienza ma la pulizia era notevole, il ristorante buonissimo e l'animazione ottima, cosa chiedere di più?

Adesso vi lascio una carrellata d'immagini di quest'isola meravigliosa che avevo già visitato anni fa quando io e Luca eravamo ancora soli: una terra ricca di paesaggi mozzafiato, spiagge bellissime e tanto verde.


                          Come posso iniziare senza presentarvi subito la nostra cucina da viaggio?


E ovviamente la nostra tenda...


Il paesaggio che al mattino mi accompagnava, mentre tutti ancora dormivano, fin dal panettiere.


Un mare cristallino e ricco di pesci e molluschi.




La meravigliosa giornata alla spiaggia dell'Innamorata tra giochi, bagni, passeggiate e giri in pedalò!





Poteva mio marito non documentare la preparazione di panini formaggio cremoso, tonno e verdurine in un'area picnic 
(della serie non rinuncio a cucinare nemmeno in vacanza)!



La residenza in campagna di Napoleone...







E la spiaggia di Bagnaia... 




Infine la vista di Portoferraio scattata dal traghetto del ritorno!


E loro soddisfatti e sereni dopo ogni giornata di mare e giochi!
Che bella esperienza!


Come potete vedere ho modificato anche il layout del mio blog, da questa vacanza sono tornata con tanta voglia di semplicità, lo spirito del campeggio mi ha contagiata, probabilmente per essere felici serve solo l'essenziale...

Buona domenica e buon agosto a tutti! 






Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...